fbpx

AFFITTARE UNA STANZA: COME FARE? LE REGOLE DA SEGUIRE

La crisi economica e sociale in cui versa l’Italia sarà sempre più importante, se non ci sarà una politica che a brevissimo ponga un limite al tetto del gas e al prezzo dell’energia, con i costi delle bollette alle stelle, i salari fermi al palo, aziende che chiudono e disoccupazione che si estende.

Con queste premesse, le famiglie cercano di risparmiare come possono e mettono in campo pratiche virtuose, tra le quali affittare una stanza della propria casa, magari quando il figlio va a studiare fuori città, in modo da ammortizzare le spese

Vediamo come funziona la locazione di una stanza e da quale contratto è regolato.

Come affittare una stanza di casa?

Partiamo dal contratto che può avere forme e durata diverse. Proprietario e conduttore possono accordarsi e scegliere tra diverse formule.

Contratto libero

Dà alle parti la più ampia libertà di decisione su contenuto e costi, eccetto per quanto riguarda la durata che deve essere minimo di 4 anni, rinnovabili in altri quattro, salvo disdetta che può essere inoltrata da entrambe le parti per motivi previsti dalla legge. Il contratto deve essere redatto in forma scritta e registrato. 

A canone concordato

Rispetto al contratto libero, ha una scadenza minima di 3 anni dalla stipula e si rinnova per i successivi 2 anni. Le parti non hanno l’autonomia del contratto libero, perché i termini vengono stabiliti dalle organizzazioni maggiormente rappresentative dei proprietari e dei locatori e vengono depositati presso i singoli comuni. In caso, il proprietario disdica il contratto in maniera illegittima, l’affittuario potrà pretendere un risarcimento danni nella misura non inferiore a 36 mensilità.

Contratto transitorio

È il contratto più utilizzato per affittare una sola stanza, perché ci sono meno vincoli per entrambe le parti. La durata minima è di un mese e massima di 18 non rinnovabili automaticamente. 

Contratto per studenti

Si può utilizzare questo contratto solo nelle città che sono sede di Università. La durata può essere compresa tra i 6 e i 36 mesi, rinnovabili automaticamente, salvo disdetta da dare almeno 3 mesi prima. 

FONTE: Immobiliare.it

Compila il form per una consulenza e trovare l’acquirente giusto per la tua casa

 

Privacy & Cookie Policy